Saint Seiya – Legend of Sanctuary

Quando un anno fa si parlò che dopo Capitan Harlock in 3D al cinema sarebbe uscito il film sui paladini di Athena in 3D tutti fummo colti di sorpresa e gridammo di stupore per la fantastica notizia ma purtroppo il film non è quel grande capolavoro che tutti ci aspettavamo…
Iniziamo con l’analizzarlo punto per punto.

1. doppiaggio storico: si potrebbe essere affezionati che il doppiaggio è rimasto quello italiano storico a cui ci siamo affezionati negli anni ’80 ma purtroppo i nostri doppiatori sono tutti visibilmente invecchiati e per dare il massimo han dovuto effettare la loro voce altrimenti alcuni acuti non sarebbero stati possibili.

2. trama: In questo film in 3D si è voluto proprio strafare: in 90 minuti cercare di racchiudere 73 puntate da 25 minuti l’una è una vera impresa titanica infatti la trama ne risulta profondamente stravolta: ecco qui di seguito alcuni errori:

– incontro Halman di Thule e “Aiolos no Sagitter”: questo incontro nella serie animata fu nelle terre assolate ateniesi, nel film invece avviene in Tibet (Himalaya)… quasi a ricalcare l’inizio dell’Himalaya di Devilman (per chi conosce anche quest’altro anime anni ’80).

– incontro cavalieri dello Zodiaco e Betelgeuse: nella serie classica i cavalieri uccidono il cavaliere d’argento ai piedi delle dodici case, nel film ciò avviene a Nuova Luxor, Betelgeuse usa una balestra per sparare i suoi colpi (BRRR… obrobrio questa cosa) e lo stesso cavaliere della freccia anzichè morire per mano dei fulmini di pegasus di Seiya muore per colpa di Ikki di Phoenix.

– primo incontro dei bronzini con “Aiolia no Leo”: questo incontro nella serie classica avviene dopo aver combattuto tutti i cavalieri d’argento e Seiya è in ospedale con una titubante Shaina dell’Ofiuco che cerca di ucciderlo ma non ce la fa e arriva in suo soccorso lo stesso Aiolia che sarà fermato dal cosmo di Athena non dopo che Seiya abbia indossato le sacre vesti del Sagittario; nel film invece Aiolia requisisce le vesti del Sagittario dalle mani di Milock (che sfoggia un bel parrucco anzichè essere calvo).

– scalata delle 12 case: la scalata alle 12 case è abbastanza assurda, per non parlare come i nostri eroi ci arrivano (un curioso teletrasporto fatto tramite le loro sacre vesti bronzine). Analizziamo gli incontri uno per uno…

1^ casa: è come lo ricordiamo ma qui Mur non ripara nessuna armatura, non erano danneggiate, troppi pochi combattimenti per danneggiarsi;

2^ casa: anche qui è uguale all’originale: Seiya vs ‘Albedaran No Taurus’: Aldebaran picchia Seiya ma perde un corno contro quest’ultimo e viene fermato da Mur perchè Aldebaran voleva solo mettere alla prova i nostri eroi: cosa che nella serie si scopre dopo e non durante il duello;

3^ casa: una passeggiata, le illusioni di Gemini non esistono e neanche viene fatta vedere;

4^ casa: assistiamo a un triste balletto di Cancer con tanto di medley musicale delle teste.. BRRR, un orrore, vi consiglio di saltare questa parte o di chiudere gli occhi mentre questi minuti scorrono a video… Qui si va avanti come da copione, Cristal VS Camus (ma ci torniamo dopo), Shiryu VS Cancer che lo pesta a sangue ma non per aver insultato Fiore di Luna (alias Shun Rei) ma per aver offeso Athena e perchè è malvagio: la trama segue lo schema principale in cui Cancer perde la sua armatura e perde contro Shiryu dopo che si è spogliato della sua armatura;

5^ casa: anche qui si segue la trama originale: Seiya VS Aiolia, c’è anche Shun ma fa la parte del babbeo perchè Aiolia se ne libera subito; i nostri eroi sono messi in salvo niente proprio di meno che da Shaka di Virgo, l’uomo più vicino alla Dea che, anzichè menarli di brutto come era nella serie originale e andando poi a perdere solo contro Ikki, li aiuta contro un leone infuriato e soggiogato da Arles (Saga di Gemini), anche qui seguiamo qualcosa della serie standard.
Nell’undicesima casa, parallelamente a ciò che accade nella quinta, e non nella settima, come succedeva nella serie classica, assistiamo allo scontro tra ‘Camus no Aquarius’ e Hyoga del cigno che si fronteggiano come nell’undicesima casa della serie classica (Aurora Execution VS Aurora Execution): è stato eliminato il loro duello nella settima casa in cui il cigno veniva imprigionato nella teca di ghiaccio; in questo film pare che il cigno già conosca il colpo del suo maestro e come da copione il loro duello finisce in parità e il corpo di Crystal è teletrasportato nella quarta casa dove ci sarà anche il corpo esausto di Shiryu dopo il combattimento con Cancer: i due saranno curati dopo poco da una Athena in fin di vita ma che non si tirerà indietro dal curare i suoi paladini feriti pur di non vederli soffrire per terra al pavimento (sembra una Athena più risoluta della sua versione classica, quasi una copia della Athena del Lost Canvas in cui è la prima a scendere in battaglia a fianco dei suoi cavalieri e non rimane nelle retrovie).

8^ casa, 9^ casa e sala del sacerdote: Seiya e Shun arrivano contro “Milo no Scorpio” che anzichè essere uomo dai lunghi capelli è una donna dai bellissimi capelli rossi. In questo scontro la potenza di Milo è tale da scaraventare i due cavalieri nella casa del sagittario in cui interviene anche Shura per combattere il duo di bronzini;

In aiuto dei bronzini arriva la fenice di bronzo, Ikki, che perderà miseramente contro Shura del Capricorno;

Nel mentre arriva la dea Athena che salva i bronzini e li ristabilisce in piena salute; anche in questa parte è stata censurata la puntata del labirinto della casa del sagittario e i cavalieri d’oro si redimono dopo aver incontrato Athena e aver letto la scritta sul muro della casa del Sagittario “a voi cavalieri che giungerete qui, affido Athena”;

Nel mentre nelle case del sacerdote Arles (Saga di Gemini) si sbarazza con un colpo solo di un terrorizzato e inutile Aphrodite dei Pesci e si rivela ai bronzini e ai cavalieri d’oro redenti…

Diversamente dalla serie classica qui approdiamo a un finale diverso… “Saga no Gemini” dopo aver assorbito il potere di Athena grazie alla freccia di Betelgeuse si trasforma in un super mostro gigantesco (assimilabile tipo a un cattivo delle serie dei Power Rangers per così dire) e giura di uccidere tutti i cavalieri li presenti e Athena stessa per diventare il signore indiscusso della Terra.

Il “Saga final boss” però non ha vita facile in quanto Seiya, indossate le sacre vestigia del Sagittario (che in questa versione sono proprio come un sagittario a quattro zampe, corpo del cavaliere e tanto di ali come la versione classica della serie), grazie anche all’aiuto della dea Athena, lo sconfigge dopo una battaglia abbastanza breve (dura non più di cinque minuti); alla fine di questa battaglia la dea Athena ringrazia i suoi santi protettori, davanti a una schiera di cavalieri in un nuovo grande tempio ricostruito, e nel mentre spende due parole di commiato per un Gemini che si è redento alla fine del combattimento (come nella serie classica)… [FINE]

Il film è tutto sommato vedibile per chi non conosce “I Cavalieri dello Zodiaco” ma per chi come me li conosce dall’inizio alla fine, e li vede dagli anni ’80 rimarrà un po’ deluso in quanto questo film si distacca profondamente dalla serie classica che tutti noi ci ricordavamo…

E voi che lo avete visto, se lo avete visto? Che opinioni vi siete fatti? Aspettiamo una vostra risposta!!!
Darigazz The Igniter

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...